Calcio Bologna
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Castellini: “Un piccolo calo può capitare, il Bologna dovrà ripetere il girone d’andata”

Le parole dell'ex capitano Marcello Castellini sul momento del Bologna e sul rendimento dei felsinei nella prima parte di stagione

bologna juventus

Marcello Castellini, ex capitano del Bologna, ha analizzato la stagione dei felsinei ai microfoni del Corriere di Bologna. Castellini si è soffermato sul momento attuale, in cui la squadra di Thiago Motta sta facendo più fatica a ottenere risultati.

PICCOLA SOSTA. “Il Bologna viene dal primo piccolo incidente di percorso, ma più a livello di risultati che di prestazioni. A Cagliari è stato sottotono, ma contro il Genoa ha sempre fatto la partita e in Coppa Italia non meritava di uscire: sono mancate soprattutto le finalizzazioni”.

ASSENZA DI ZIRKZEE A CAGLIARI. “È  comprensibile: è un giocatore anomalo, che abbina alla forza fisica una tecnica sopraffina, che oltre alla fase realizzativa ha la capacità di mandare in rete i compagni. Da ex difensore, è un attaccante che disturba molto chi deve occuparsene: tra quelli che ho affrontato io mi ricorda certe movenze di Amauri, anche se Zirkzee ha caratteristiche diverse. E dopo la partenza di Arnautovic ha tirato fuori qualità da leader”.

I GOL SUBITI NELLA ULTIME PARTITE. “Per un girone il Bologna ha fatto molto bene anche dietro, girava tutto a meraviglia e al minimo errore arrivava la parata: significa che c’è stata una grande prova mentale da parte di tutti. Magari a volte è girata in maniera fortunosa, poi ti ritrovi a subire gol al primo tiro in un paio di occasioni: non credo che la squadra abbia ceduto all’appagamento o all’entusiasmo che si sente in città, non mi sembrano quel tipo di gruppo né quel tipo di allenatore. Penso più che altro a un piccolo calo fisiologico che può accadere nel contesto di un campionato strepitoso: per 2-3 partite capita di pagarlo”.

BOLOGNA IN EUROPA. “Finora alcune big hanno concesso più di qualcosa, ma il campionato è solo a metà: il Bologna avrà meno impegni delle competitor da qui in avanti e sarà chiamato a ripetere il girone di andata, con la barra molto alta, per infilarsi se le grandi continueranno ad avere difficoltà. A quel punto i rossoblù avranno fatto il grande salto a lungo sperato”.

AFFRONTARE SQUADRE CHIUSE. “Magari non accadrà alla ripresa contro il Milan, ma quella modifica attuata dalla Fiorentina o dal Cagliari dopo i primi 25 minuti il Bologna la ritroverà spesso. È il destino delle squadre forti subire le contromisure. Se la butti dentro, la partita cambia e l’avversario si apre: tante in A hanno capito che a giocarsela a viso aperto con questo Bologna ci si fa male“.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

orsolini
A pochi minuti dall'inizio di Roma-Bologna, ecco le scelte ufficiali di Thiago Motta e Daniele...
Il centrocampista del Bologna Nikola Moro
Ultimissime di formazione in vista del fischio d'inizio della sfida tra Roma e Bologna...
bologna femminile
Il tabellino della sfida vinta dal Bologna Femminile sul campo della Freedom con il punteggio...

Dal Network

  Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio,...

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

Altre notizie