Calcio Bologna
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Retroscena Van Hooijdonk: “Dovevo andarmene in estate, il presidente mi ha trattenuto”

L'attaccante olandese parla della difficile estate con i rossoblu, ritrovandosi ai margini del progetto e a un passo dalla cessione.

Van Hooijdonk

Nell’intervista pubblicata dal quotidiano del Corriere dello Sport, Sidney Van Hooijdonk rivela di aver passato un periodo tumultuoso con il Bologna la scorsa estate, al punto di ritrovarsi a un passo da cambiare squadra poco prima della chiusura del mercato: “È stato tutto un po’ strano in estate. Siamo ripartiti da zero, tutti si sono scusati con me“.

NIENTE RITIRO. Tutto è cominciato nel periodo di preparazione pre-campionato: “Dovevo andare in ritiro e cinque giorni prima il mio agente mi aveva detto di aver parlato con il direttore tecnico. Poi, a due giorni dal ritiro, il team manager mi dice che dovevo restare a fare i test a Bologna” racconta l’attaccante olandese. “Mi sembrava ingiusto, è stato il periodo più difficile della mia carriera finora“.

MANCATA CESSIONE. Poi affronta il tema del trasferimento saltato: “Sarei dovuto partire l’ultimo giorno di mercato in direzione Germania. Invece non ho capito perché ma non mi hanno lasciato andare. Ero arrabbiato per questo e non è stato facile, visto che già prima non ero andato neanche in ritiro. Poi ho avuto una piacevole conversazione con il presidente: mi ha detto che mi comprendeva, che gli dispiaceva, ma anche che qui avrei avuto una bella opportunità“.

REAZIONE.È stato difficile mentre gli altri erano in ritiro perché con quei cinque che eravamo correvamo solo” spiega Van Hooijdonk riguardo al periodo in cui la squadra era in ritiro senza di lui. “Quando tutti sono tornati a Casteldebole volevo capirci meglio. Alla fine qualcuno si è infortunato e così ho potuto allenarmi con la squadra e ricominciato a segnare nelle partitelle. Da allora sono sempre stato con la squadra. Per essere premiato devi essere forte mentalmente e andare sempre avanti“.

SUL RAPPORTO CON THIAGO MOTTA. All’olandese classe 2000 viene chiesto inoltre del legame con il tecnico rossoblu: “Il nostro rapporto è normale, è un allenatore che mi piace per l’energia che ha. Dopo l’estate mi ha detto che avevo le stesse possibilità degli altri, l’ho apprezzato. Joshua ha iniziato bene e ha anche segnato, quindi mi tocca aspettare e continuare a lavorare sodo. Ma credo che il mister sappia che posso fare gol anch’io“.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Van Hooijdonk
Manca solo l'ufficialità per la cessione di van Hooijdonk al Norwich in prestito con diritto...
odgaard
Contemporaneamente Van Hooijdonk si trasferisce in Inghilterra...
Van Hooijdonk
La cessione dell'olandese sbloccherebbe l'affare Odgaard in entrata...

Dal Network

  Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio,...

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

Altre notizie